Sanremo 2016: 66° Festival della canzone italiana

img_6427.jpg
img_6459.jpg
img_6444.jpg
img_6470.jpg

Prima serata e per me anche primissima volta al Festival di Sanremo, sono giorni frenetici quelli che caratterizzano questo 66° Festival della canzone italiana, l’atmosfera che ho potuto assaporare girando per il centro storico della città dei fiori è stata fantastica, di grande festa.

Sanremo 2016 ha avuto una buona partenza, ritmi vivaci e veloci, poche gaffe, per Conti e dirigenze Rai la prima puntata è stata vista da 11.134.000 spettatori, col 49,5 per cento di share (l’anno scorso era il 49,6).

Durante la prima serata si sono esibiti, qualcuno con evidenti difficoltà, Lorenzo Fragola, Noemi, Dear Jack, Giovanni Caccamo e Deborah Iurato ( con un look tipico da “Prom” americano oppure tendone da circo ), Stadio, Arisa ( look da “casa/divano/vado a dormire ), Enrico Ruggeri, Bluvertigo con Morgan, Rocco Hunt e Irene Fornaciari. Nella prima classifica provvisoria sono a rischio Irene Fornaciari, Noemi , Bluvertigo e i Dear Jack.

Madalina Ghenea e Gabriel Garko, bellissimi, statuari però con poca personalità da palcoscenico, il presentatore Carlo Conti sempre brillante, grande controllo dei tempi televisivi, abilissimo nel gestire i tempi “morti” tipici della diretta, ma la vera rivelazione di questo Festival sanremese è stata sicuramente Virginia Raffaele, con la “sua” Ferilli ha decisamente conquistato il pubblico, imitazione sensazionale, da lacrime agli occhi.

Cosa dire poi dei due ospiti internazionali, Laura Pausini in grande forma, simpaticissima, voce sublime, ha incantato la platea dell’Ariston con un ritorno al passato cantando “La solitudine” e poi l’arrivo di Sir Elton John, posso dirvi che aspettavo con ansia la sua esibizione e non nego di aver avuto gli occhi lucidi durante l’esecuzione di due classici del passato cantati e suonati al suo immancabile pianoforte, emozionante e da pelle d’oca.

Vi lascio alcuni scatti che ho fatto durante la serata….. e che vinca il migliore!

A presto,

Margherita